Cancellare via Cialdini dalle strade di Palermo

0

Giovanni Colletti, consigliere comunale e presidente della Seconda Circoscrizione di Palermo, ha presentato una mozione che è stata votata a maggioranza, con la quale è stato chiesto di sostituire il nome di ‘Via Cialdini’.

Nell’articolata motivazione tra l’altro viene evidenziato che: ‘Enrico Cialdini fu artefice di assassini feroci contro la gente del Sud. Il 13 febbraio a Gaeta, quando Francesco II re del Regno delle Due Sicilie decise di firmare la resa, per fermare lo sterminio della sua gente, il generale Enrico Cialdini dispose di intensificare i bombardamenti e, approfittando della cessazione della risposta della fazione avversaria, uscì dalle linee e si avvicinò alla cittadina per averla meglio sotto tiro.  A chi gli diceva di fermarsi perché erano in corso le trattative per la resa rispose, dicendo il falso, che la sua abitudine era quella di non fermarsi fino a quando essa non fosse ufficiale e che sotto le bombe si tratta meglio. Ad Unità d’Italia avvenuta a egli si intitolarono strade, al pari di numerosi altri assassini e sterminatori, perché è così che si sottomette un Popolo, facendogli il lavaggio del cervello e cancellando la sua storia’.

Quella del consigliere di Palermo è solo l’ultima più importante tra le prese di coscienza identitarie che stanno ripristinando la verità storica nelle nostre vie e piazze. E’ un passaggio importante, quello della toponomastica, che segna una tappa fondamentale dalla quale si possono articolare tutte le altre iniziative di recupero della nostra memoria storica.

Share.

About Author