Al ‘Blu di Prussia’ Andrea Branzi presenta la nuova collezione

0

Da mercoledì 17 febbraio (inaugurazione ore 17.30), Al Blu di Prussia (Via Filangieri 42 – Napoli) presenta – in collaborazione con Antonia Jannone Disegni di Architettura, Milano – la nuova personale dell’architetto e designer Andrea Branzi, tra i maggiori esponenti del design neomoderno e fondatore, assieme ad altri, del collettivo Archizoom Associati (1964-1974) primo gruppo di avanguardia noto in campo internazionale.

Alle ore 18, l’architetto Patrizia Ranzo conversa con l’artista Andrea Branzi sul tema ‘La metropoli primitiva’ in occasione della proiezione, in anteprima, dell’omonimo video che sarà poi proposto negli Stati Uniti nel corso di un tour delle principali università di settore. Ospite dello spazio multidisciplinare di Giuseppe Mannajuolo diretto da Mario Pellegrino, Branzi propone un corpus di circa 25 opere tra Flat, Maquette/Domus e Luoghi.

«Flat – spiega lo stesso  Branzi – è una ‘Collezione di modelli di pannelli d’uso’, che si collocano cioè tra il quadro dipinto e la consolle; decorati a mano accolgono nicchie e mensole su cui poggiare libri, lampade, vasi, elementi di arredo. I Flat sono progetti ibridi, di nuova generazione, che contamina l’arredamento domestico con la sacralità dell’arte; due categorie tradizionalmente opposte, che oggi si sovrappongono: pitture tridimensionali e scaffalature d’arte. In un’epoca come la nostra, dove i confini tradizionali delle specializzazioni tendono a sfumare, i Flat testimoniano che nuove tipologie sono possibili e nuove esperienze funzionali aprono la strada a superfici più espressive destinate a trasformare le nostre superfici decorative in micro-spazi accoglienti e segreti». Maquette-Domus, invece, sono un esperimento di indagine del confine tra design e arte dove oggetti provenienti da diverse categorie ed epoche storiche si fondono in un unico spazio ideale: frammenti di antiquariato, mosaici romani, affreschi pompeiani, cineserie e oggetti disegnati da Branzi stesso sono accostati a libri, computer e prodotti di consumo. Né arredi, né oggetti decorativi, queste opere combinano e condensano, come meditazioni inconsce, immagini, materiali e ricordi frammentari di un uomo che vive tra il consumismo dei giorni correnti e gli alti riferimenti culturali del passato.

Share.

About Author